Tempo di lettura stimato:
3h 30m

6 utenti lo scambiano | 1 utenti lo vendono

Le notti bianche (41)

Fëdor Dostoevskij

Genere: Amore, Classici

Editore: Mondadori

Anno: 2003

Lingua: Italiano

Rilegatura: Non inserito

Pagine: 105 Pagine

Isbn 10: 8804516046

Isbn 13: 9788804516040

Trama

Un giovane sognatore, completamente immerso in un mondo dominato da sentimento e fantasie, ha il suo primo contatto con la realtà quando, durante una delle sue solitarie passeggiate estive, s'imbatte in una ragazza in lacrime. La sconosciuta diventerà per lui un'ancora verso il mondo reale, fatto di attese, speranze e disillusioni. La città di San Pietroburgo è lo sfondo in cui, nel corso di quattro notti, i due protagonisti di questo breve racconto si confidano le storie delle loro vite. Il risveglio dell'ultimo mattino porterà con sé un dubbio sottile, invitando il lettore a riflettere sul labile confine tra sogno e realtà.

Altre edizioni

Altri libri dello stesso autore

N. edizioni: 11

N. edizioni: 19

N. edizioni: 10

N. edizioni: 1

Autori che ti potrebbero interessare

Le recensioni degli AccioBookers

Marylou_0988

Racconto intenso e romantico, ma molto lontano dalla banalità del termine, di fatti non finisce con il classico finale alla "e vissero felici e contenti", bensì con un protagonista che perde la donna a cui si è raccontato per 4 notti di seguito. Si respira in queste pagine la dolcezza dell'aria, l'avvicinamento che il protagonista desidera con la ragazza con cui si affaccia per qualche ora sul mondo, un avvicinamento che nulla ha a che vedere con la malizia, che è candido, platonico è bianco, come le notti trascorse al chiaro di luna. Questo è un racconto per sognatori. ed è uno dei miei preferiti in assoluto!

Antonio P.

Imprescindibile.

Beatrice

Il racconto non è di genere narrativo, ma introspettivo, e costruito attraverso i dialoghi (ovviamente non realistici, ed è piacevole l'autoironia dell'autore a riguardo). Tant'è che la descrizione dei due protagonisti è indiretta, attraverso la presentazione delle loro storie e, in particolare, il protagonista maschile, di cui non conosciamo il nome, non si descrive a partire dall'aspetto fisico o caratteriale: lui è un sognatore. Questo passaggio è uno dei più belli del libro. Lo stile di Dostoevskij ferma lo scorrere del tempo e intrappola in un sogno. Il ritorno alla realtà è doloroso, come per il protagonista. La necessità di reimmergersi, impellente. Poetico è lo stile, il lessico, i personaggi, l'animo di Dostoevskij, che possiede una sensibilità e una conoscenza della natura umana invidiabili.

LiberoLibro

http://www.liberolibro.it/le-notti-bianche-di-fedor-dostoevskij/