Tempo di lettura stimato:
4h 48m

2 utenti lo scambiano | 1 utente lo vende |

Tre ciotole (25)

Rituali per un anno di crisi

Michela Murgia

Editore: Mondadori

Anno: 2023

Lingua: Italiano

Rilegatura: Brossura

Pagine: 144 Pagine

Isbn 13: 9788804774891

Trama

S'innamorano di una sagoma di cartone o di un pretoriano in miniatura, odiano i bambini pur portandoseli in grembo, lasciano una donna ma ne restano imprigionati, vomitano amore e rabbia, si tagliano, tradiscono, si ammalano. Sono alcuni dei personaggi del nuovo libro di Michela Murgia, un romanzo fatto di storie che si incastrano e in cui i protagonisti stanno attraversando un cambiamento radicale che costringe ciascuno di loro a forme inedite di sopravvivenza emotiva. "Una sera ti metti a tavola e la vita che conoscevi è finita." A volte a stravolgerla è un lutto, una ferita, un licenziamento, una malattia, la perdita di una certezza o di un amore, ma è sempre un mutamento d'orizzonte delle tue speranze che non lascia scampo. Attraversare quella linea di crisi mostra che spesso la migliore risposta a un disastro che non controlli è un disastro che controlli, perché sei stato tu a generarlo. In stato di grazia, Murgia scrive per tutti noi un libro estremamente originale che rimanda a una costellazione di altri grandi libri: Il crollo di Fitzgerald, Lo zen e il tiro con l'arco di Herrigel e L'anno del pensiero magico di Didion.

Altre edizioni

Non sono state inserite altre edizioni di questo libro

Altri libri dello stesso autore

Autori che ti potrebbero interessare

Le recensioni degli AccioBookers

Radice

Recensito il 01/07/2023

Scusatemi ma non ho foto. Libro nuovo, regalabile. Mi aspettavo trattasse di più il tema della malattia in un'ottica autobiografica,  di fatto sono racconti con personaggi differenti. Non scontato.

Katelikki

Recensito il 23/05/2024

Lettura in audiolibro. 

Raccolta di racconti con protagonisti diversi che a modo loro cercano di andare avanti e affrontare le loro vite. Protagonisti veri, reali, in cui ogni lettor* può ritrovarsi. Il primo racconto credo sia autobiografico ed è quello che ho apprezzato di più. Non ho dato il massimo delle stelle perché le raccolte di racconti brevi non le preferisco, dopo un po' mi annoia passare da una storia all'altra.