Tempo di lettura stimato:
4h 16m

38 utenti lo scambiano | 5 utenti lo vendono

Una stanza tutta per sé (64)

Virginia Woolf

Genere: Femminismo, Letteratura, Classici

Editore: Newton Compton

Anno: 2013

Lingua: Italiano

Rilegatura: Brossura

Pagine: 128 Pagine

Isbn 10: 8854152633

Isbn 13: 9788854152632

Trama

Come poteva una donna, si chiede la scrittrice inglese, dedicarsi alla letteratura se non possedeva "denaro e una stanza tutta per sé"? Si snoda così un percorso attraverso la letteratura degli ultimi secoli che, seguendo la simbolica giornata di una scrittrice del nostro tempo, si fa lucida e asciutta riflessione sulla condizione femminile.

Altre edizioni

Altri libri dello stesso autore

N. edizioni: 7

N. edizioni: 14

N. edizioni: 7

N. edizioni: 6

N. edizioni: 4

N. edizioni: 16

N. edizioni: 1

N. edizioni: 1

N. edizioni: 2

N. edizioni: 1

N. edizioni: 2

Autori che ti potrebbero interessare

Le recensioni degli AccioBookers

AccioBooks

Eccoci con il libro del mese dell'Acciobookclub: Settembre 2018.

"Perché Virginia, con il suo non essere una pomposa accademica, ci ha regalato un esempio di saggistica fuori dagli schemi, che fugge dalla sua mente e vibra nell’aria. Virginia indaga la libertà femminile, la creatività soffocata dalla condizione sociale..." - @stefaniereads

"Mi è impossibile parlare di questo libro senza commozione, mi è impossibile parlare di Virginia Woolf senza commozione. Di lei e di ciò che ha scritto vorrei dire tutto per ri-raccontarlo a me stessa. Per rileggere incessantemente le sue parole, e tra le sue righe la mia vita." - @valeria_mazzucco

"Durante questa seconda lettura invece ho sentito una connessione con Virginia da donna a donna — anzi, più nello specifico: mi sono identificata nella sua condizione di donna che vuole dedicare la vita alla sua vocazione ma si scontra con una società organizzata in un modo che lo rende difficilissimo, quasi impossibile — e ho trovato coraggiose e catartiche la concretezza e l’onestà con cui ne parla (incredibilmente, cent’anni dopo le difficoltà sono quasi esattamente le stesse!)" - @ghiofgreengables

"Però credo che sia proprio questo suo essere culturalmente “grezza” che la rende così anarchica, quel suo non stare al posto assegnatole, quella forza di ribellarsi, quella sua propria luminescenza che emanava come autrice e come persona: era qualcosa che aveva dentro, era qualcosa che ha portato fuori, nel mondo, arricchendolo." - @galaxia_reads

bntoni

Libro ribelle, scritto da una donna anticonformista e ribelle, ma che ho letto con difficoltà, non colto appieno il significato che c'è dietro. Da rileggere.

ciabi

Primo libro che leggo di Virginia Woolf. Mi piace perché mi ha dato una nuova prospettiva sul femminismo, in positivo direi.

juliabbi

"La bellezza del mondo...ha due tagli, uno di gioia, l'altro di angoscia, che ci dividono il cuore." Mi sento profondamente inadeguata a parlare di Virginia, perché le mie parole contrastano con le sue, dotate di una forza spettacolare. Ed è da questa forza che deriva la voglia di agire, il desiderio di prendersi quella benedetta camera per sé. Da rileggere almeno un milione di volte. Da assorbire nei pori della pelle.

MissGloria

Chiaccherare con la Woolf è meraviglioso e al contempo disarmante: dice quello che hai sempre pensato, presenta situazioni in cui ogni tanto ti rivedi e pensi che sia illuminante per essere stato scritto un secolo fa. Spaventa vedere come sia attuale.