Tempo di lettura stimato:
6h 18m

3 utenti lo scambiano | 1 utenti lo vendono

Abbiamo sempre vissuto nel castello (21)

Shirley Jackson

Genere: Gialli, Horror, Thriller

Editore: Adelphi

Anno: 2020

Lingua: Italiano

Rilegatura: Brossura

Pagine: 189 Pagine

Isbn 10: 8845935493

Isbn 13: 9788845935497

Trama

"A Shirley Jackson, che non ha mai avuto bisogno di alzare la voce"; con questa dedica si apre "L'incendiaria" di Stephen King. È infatti con toni sommessi e deliziosamente sardonici che la diciottenne Mary Katherine ci racconta della grande casa avita dove vive reclusa, in uno stato di idilliaca felicità , con la bellissima sorella Constance e uno zio invalido. Non ci sarebbe nulla di strano nella loro passione per i minuti riti quotidiani, la buona cucina e il giardinaggio, se non fosse che tutti gli altri membri della famiglia Blackwood sono morti avvelenati sei anni prima, seduti a tavola, proprio lì in sala da pranzo. E quando in tanta armonia irrompe l'Estraneo (nella persona del cugino Charles), si snoda sotto i nostri occhi, con piccoli tocchi stregoneschi, una storia sottilmente perturbante che ha le ingannevoli caratteristiche formali di una commedia. Ma il malessere che ci invade via via, disorientandoci, ricorda molto da vicino i "brividi silenziosi e cumulativi" che - per usare le parole di un'ammiratrice, Dorothy Parker abbiamo provato leggendo "La lotteria". Perché anche in queste pagine Shirley Jackson si dimostra somma maestra del Male - un Male tanto più allarmante in quanto non circoscritto ai 'cattivi', ma come sotteso alla vita stessa, e riscattato solo da piccoli miracoli di follia.

Altre edizioni

Altri libri dello stesso autore

Autori che ti potrebbero interessare

Le recensioni degli AccioBookers

ladonnamancina

Ho adorato questo libro.. La scrittura, la vicenda che la protagonista - narratrice tutt'altro che imparziale - narra in prima persona, gli elementi fiabeschi e nerissimi che si intrecciano e, ça va sans dire, la narratrice stessa. L'incipit, poi.. "Mi chiamo Mary Katherine Blackwood. Ho diciott'anni e abito con mia sorella Constance. Ho sempre pensato che con un pizzico di fortuna potevo nascere lupo mannaro, perché ho il medio e l'anulare della stessa lunghezza, ma mi sono dovuta accontentare. Detesto lavarmi, e i cani, e il rumore. Le mie passioni sono mia sorella Constance, Riccardo Cuor di Leone e l'Amanita phalloides, il fungo mortale. Gli altri membri della famiglia sono tutti morti."

Livs

non riesci a smettere di leggerlo

Ester Carta

"A Shirley Jackson, che non ha mai avuto bisogno di alzare la voce" (S.King). Mai frase fu più adatta soprattutto dopo aver letto questa storia, dove nulla di eclatante accade, nessuna descrizione o fatto è violentemente esposto ma dove un profondo senso di angoscia ee inquietudine è sottointeso, appena percepibile, talvolta impalpabile ma in ogni modo presente in ogni frase, in ogni pagina.

Fre Quattrocchi

Ho trovato la narrazione molto lenta e noiosa. Dal mio punto di vista manca anche la storia: quello raccontato è come se fosse un prologo a qualcosa, come se molte parti fossero state eliminate. Al contrario di me, Federico lo ha trovato un bellissimo romanzo, quindi per un confronto ecco il link alla recensione: https://www.paroladiquattrocchi.com/abbiamo-sempre-vissuto-nel-castello-libro-vs-pellicola/

MARIA CATERINA

Recensito il 28/03/2021

Come i veri capolavori, come i veri artisti, non lo sai incasellare. Non si sa definire quest'opera: un romanzo? Un racconto? Un giallo? un romanzo gotico? E' follia o coraggio la vita delle due sorelle? Perchè se il mondo fuori dal castello è quello che viene descritto, molto meglio chiudersi dentro, elevare alte barricate e pensare solo all'orto. Devo dire che la simpatia, se non fosse per il delitto che è l'antefatto della storia, andrebbe solo alle due sorelle.