SUMMER SALE ☀️ — Festeggiamo l’estate con il 30% di sconto su tutti piani PRO! Usa il codice SCAMBICALIENTI al checkout

Tempo di lettura stimato:
3h 30m

1 utenti lo scambiano |

Sull'utilità e il danno della storia per la vita (1)

Friedrich Nietzsche

Genere: Filosofia,

Editore: Adelphi

Anno: 1974

Lingua: Italiano

Rilegatura: Brossura

Pagine: 105 Pagine

Isbn 10: 8845901653

Isbn 13: 9788845901652

Trama

In questo saggio del 1874, che costituisce la seconda delle quattro "Considerazioni inattuali", Nietzsche attacca la cultura storicistica della sua epoca, sostenendo come 'l'eccesso di storia' sia responsabile di un sentire opprimente e dell'incapacità dell'uomo di plasmare liberamente il proprio futuro. Solo attraverso l'oblio, l'uomo può avere accesso alla vera felicità, giacché solo esso (prerogativa e dono degli animali) può assicurare il rifiorire perenne della vita. "L'eccesso di storia è un danno per la vita: noi dobbiamo avere coscienza storica, ma quanto basta per la vita (...). Noi soffriamo di una febbre storica". Tutto ciò che appartiene al passato non aiuta la vita, ma costituisce un'insuperabile e oppressiva allucinazione. La Storia non fa che renderci schiavi del nostro tempo, nostalgici di un passato irripetibile. Non è la storia, sostiene Nietzsche, che deve dominare la vita, bensì l'esatto contrario. Occorre semplicemente usufruire della Storia per arricchire la qualità della nostra esistenza. È nei giovani che il filosofo ripone le sue speranze: grazie al loro istinto naturale, essi si rendono conto della malattia storica, rivolgendosi all'antistorico, ovvero all'arte di dimenticare.

Altre edizioni

Altri libri dello stesso autore

Autori che ti potrebbero interessare