Tempo di lettura stimato:
7h 50m

1 utente lo scambia |

Il senso dell'elefante (15)

Marco Missiroli

Genere: Letteratura, Religione, Spiritualità

Editore: Guanda

Anno: 2012

Lingua: Italiano

Rilegatura: Brossura

Pagine: 235 Pagine

Isbn 10: 8860887550

Isbn 13: 9788860887559

Trama

La devozione verso tutti i figli, al di là dei legami di sangue: è il senso dell'elefante, codice inscritto in uno dei mammiferi più controversi, e amuleto di una storia che comincia in un condominio di Milano. Pietro è il nuovo portinaio, ha lasciato all'improvviso la sua Rimini per affrontare un destino chiuso tra le mura del palazzo su cui sta vegliando. Era prete fino a poco tempo prima, ora è custode taciturno di chiavi e appartamenti, segnato da un rapporto enigmatico con uno dei condomini, il dottor Martini, un giovane medico che vive con moglie e figlia al secondo piano. Perché Pietro entra in casa di Martini quando non c'è? Perché lo segue fino a condividere con lui una verità inconfessabile? Il segreto che li unisce scava nel significato dei rapporti affettivi, veri protagonisti di un intreccio che si svela a poco a poco, arrivando all'origine di tutto: una ragazza conosciuta da Pietro quando era un sacerdote senza Dio, in una Rimini dura e poetica, a tratti felliniana. Qui inizia questa storia che accompagna i suoi personaggi nella ricerca di un antidoto alla solitudine dei nostri tempi, verso una libertà di scelta, e di sacrificio. In questo romanzo Marco Missiroli va al cuore della sua narrativa, raccontando il sottile confine tra l'amore e il tradimento, il conflitto con la fede e la dedizione verso l'altro. A partire da una semplice, terribile domanda: a che cosa siamo disposti a rinunciare per proteggere i nostri legami?

Altre edizioni

Altri libri dello stesso autore

Autori che ti potrebbero interessare

Le recensioni degli AccioBookers

dianagrnlp

Io raggiungo il mio Daniele. Lei cerchi il suo amore, le ho spiegato dove trovarla. Parli a Celeste, le racconti di Luca. Vostro figlio. Sapevo. Ma come le ho detto, l 'oblio mi separa dai pettegoli.... Ancora una cosa: grazie. Se ho trovato la forza di diventare un lampadario di gran classe lo devo al suo mare. Per anni sono stato un uomo solo, meno quando ho conosciuto lei. La riconoscenza non è di questo mondo, dell'altro sì. E io mi sento già là. Mazel tov, amico mio. L 'aspetterò."