Tempo di lettura stimato:
13h 36m

1 utente lo vende |

Povere creature! (16)

Alasdair Gray

Editore: Safarà Editore

Anno: 2023

Lingua: Italiano

Rilegatura: Brossura

Pagine: 408 Pagine

Isbn 13: 9788832107531

Trama

Chi è veramente Bella Baxter, giovane donna ritrovata nelle fredde acque del Clyde nella Glasgow tardovittoriana e riconsegnata alla vita grazie agli oscuri esperimenti di Godwin Baxter, tormentato genio della chirurgia? Sarà arduo, quasi impossibile, dare una risposta, perché Bella è molto più della donna che è stata: oggetto di folli passioni amorose, la vedremo attraversare la sua epoca passando per salotti austeri, casinò decadenti e bordelli parigini, con lo stupore di chi per la prima volta vede il mondo nella sua prodigiosa follia, incarnando – con il medesimo desiderio che desta al suo passaggio – i più alti ideali umani, senza mai smettere di suscitare scandalo per l’oltraggio più grave di tutti: vivere un’esistenza radicalmente libera. Da questo romanzo, il nuovo film di Yorgos Lanthimos prodotto da Searchlight pictures. Prefazione di Enrico Terrinoni.

Altre edizioni

Non sono state inserite altre edizioni di questo libro

Altri libri dello stesso autore

Autori che ti potrebbero interessare

Le recensioni degli AccioBookers

OgniRicciounLibro

Recensito il 23/04/2024

Stimolante, intrigante e misterioso. 

È stata una scoperta strana quando ho capito che il libro fosse narrato da un amico di Baxter (ero convinta che sarebbe stato lui il narratore. Non so perché)!! È un libro scritto benissimo, non ci sono dubbi su chi parla o cosa accade. 

Viene descritta la vita di Bella Baxter da quando McCandles la conosce. Ci sono delle note a fine libro che suggerisco di leggere in contemporanea con la lettura del romanzo. 

Katelikki

Recensito il 16/05/2024

“Povere Creature! non è un libro femminista e il film è un p0rn0!"

Ciò che leggiamo della protagonista proviene da un manoscritto redatto dal secondo marito di Victoria, alias Bella. Ma chi ci dice che tutto ciò che è scritto corrisponde al vero? La stessa lettera di Victoria alla fine del libro ci racconta un’altra verità, quella della Dottoressa Victoria McCandless.

Lei afferma che ciò che è raccontato è stato inventato da un marito che la invidiava perché semplicemente lei era più talentuosa di lui (vi ricorda qualcosa?).

Noi non sapremo mai quale delle due versioni sia la vera, ma in realtà nemmeno ci interessa.

Questo perché, ahimè, la figura descritta non è quella di una inetta, incapace e vittima, piuttosto ciò che ne esce è una donna libera, sicura, padrona di sé, curiosa, intelligente e sensuale.

Bella fa cadere ai suoi piedi chiunque le giri intorno e fa impazzire tutti gli uomini che cercano di controllarla e possederla perché lei non vuole e non può essere posseduta. Ha fame di conoscenza ed è in grado di spiazzare l’intera società inglese, e lo farà!

Lo farà tramite la scoperta di sé e del suo corpo ma anche attraverso la messa in atto del libero arbitrio, allo studio della società, nel bene e nel male, e si decide ad agire per costruire un mondo migliore.

Quindi, chi sono queste "povere creature"?

Ho sentito tante recensioni su quest’opera (riferendomi al libro e al film perché insieme creano l’assurda e magnifica esperienza che abbiamo vissuto), tantissime positive ma molte negative e dopo aver letto il libro mi sono chiesta il perché.

La risposta che mi sono data è che in realtà tutt* vorremmo essere Bella Baxter: una persona che è libera di esprimere sé stessa con coraggio andando contro tutti i canoni e che non permette a nessun altro di rinchiuderla. Mi sento di definirla una nuova supereroina nonostante ci sia bisogno di altre figure come lei e spero che ne arrivino a bizzeffe.

In conclusione sì: “Povere Creature!” è un libro femminista e visionario, Bella è il mio nuovo amore e se c’è chi ha urlato allo scandalo vuol dire che l’opera ha funzionato.