Tempo di lettura stimato:
9h 20m

2 utenti lo scambiano |

Lessico famigliare (22)

Natalia Ginzburg

Genere: Autobiografici, Saghe familiari

Editore: Einaudi

Anno: 2014

Lingua: Italiano

Rilegatura: Non inserito

Pagine: 280 Pagine

Isbn 13: 9788806219291

Trama

Lessico famigliare è la storia di una famiglia ebrea, quella della stessa scrittrice, che si svolge a Torino fra gli anni Trenta e Cinquanta. Natalia, l'ultima dei cinque figli Levi, è la voce narrante. Con assoluto rispetto della verità, e, per certi versi, mantenendo l'incanto della fanciullezza, l'autrice non solo ripercorre con la memoria le vicende dei suoi cari, ma ne fissa per sempre anche il linguaggio (che, come sappiamo, è unico per ogni nucleo famigliare), i motti, le abitudini radicate.

Altre edizioni

Altri libri dello stesso autore

N. edizioni: 5

N. edizioni: 1

N. edizioni: 1

Autori che ti potrebbero interessare

Le recensioni degli AccioBookers

Co's notebook

Recensione completa: www.cosnotebook.com
Il libro, come ci dice subito Natalia, è un racconto di memorie, un diario, un collage di ricordi che mi hanno conquistato pagina dopo pagina. L'autrice quasi si nasconde durante la narrazione per mostrare invece tutti i legami del suo nucleo familiare. È una sorta di coscienza continua che mi ha veramente conquistato per la sua profondità. Natalia ci presenta la sua famiglia, i suoi fratelli e i suoi genitori, gli amici e quello che diventerà suo marito, Leone Ginzburg. Ci racconta gli episodi che caratterizzano nel suo vissuto ogni personaggio, da una parola al tono di voce. Infatti per la Ginzburg è fondamentale il lessico, ogni persona è contraddistinta nella sua memoria da una parola abituale, come per il fratello Mario che ripeteva "Il baco del calo del malo" e continuava cambiando la vocale.

Vanessareads

3 e mezzo

Linda

Recensito il 24/02/2022

La tenerezza e il ricordo della propria famiglia attraverso l’autenticità delle parole che i nostri cari usano. Inflessioni, modi di dire, riferimenti, particolari che ci rendono unici e che - come l’io narrante stesso afferma - consentono di riconoscerci un una folla.