Tempo di lettura stimato:
6h 34m

8 utenti lo scambiano | 4 utenti lo vendono

Il viaggio della strega bambina (15)

Celia Rees

Genere: Adolescenti, Storici, Avventura

Editore: Salani

Anno: 2011

Lingua: Italiano

Rilegatura: Brossura

Pagine: 197 Pagine

Isbn 10: 8862565666

Isbn 13: 9788862565660

Trama

"L'hanno rinchiusa in prigione per più di una settimana. Prima l'hanno fatta camminare a passo di marcia, su e giù, su e giù in mezzo a loro, per un giorno e una notte, finché non è più riuscita nemmeno a zoppicare, tanto aveva i piedi gonfi e sanguinanti. Non avrebbe confessato. Così hanno deciso di dimostrare che era una strega". Le pagine di un diario sono cucite dentro una trapunta. Una trapunta che giace indisturbata per oltre trecento anni, finché non viene aperta per essere pulita, e allora dalle sue pieghe cade una storia forte ed emozionante. La storia di Mary, nipote di una strega. Quando la nonna di Mary viene condannata a morte per stregoneria, Mary scappa per sfuggire allo stesso destino, prima nella campagna inglese e poi su una nave per l'America, dove spera di trovare una nuova casa, un luogo dove essere una persona nuova. Scopre però che non è facile fuggire e presto cade vittima di superstizioni e sospetti che potrebbero farle subire lo stesso fato di sua nonna. Mary è decisa a non farsi calpestare, torturare e uccidere per un crimine immaginario come la stregoneria. Uno sguardo femminile sul mondo, una storia narrata con grande vividezza, come una ripresa cinematografica.

Altre edizioni

Altri libri dello stesso autore

Autori che ti potrebbero interessare

Le recensioni degli AccioBookers

Alice

Sono sempre stata affascinata dalla figura della "strega" medievale. Questo libro mi ha aiutato a conoscere la situazione emotiva in cui si poteva trovare una ragazza libera, ma proprio per questo rifiutata dalla società del tempo.

MARIA CATERINA

Recensito il 30/05/2021

Un monito contro l’intolleranza religiosa, che porta alla degenerazione morale in virtù di un credo, una forte accusa contro l’annebbiamento delle coscienze di cui si nutrono i preconcetti. Perché entrambe, come magistralmente dimostrato dall’architettura narrativa di Clelia Rees, se alimentate, trasformano gli esseri umani in mostri, rendendoli capaci di ogni più abietto crimine. Bello e intenso. Lettura consigliata.