Tempo di lettura stimato:
4h 0m

1 utente lo scambia | 1 utente lo vende |

Il gioco della notte (16)

Camilla Läckberg

Editore: Einaudi

Anno: 2021

Lingua: Italiano

Rilegatura: Brossura

Pagine: 120 Pagine

Isbn 13: 9788806243777

Trama

Quattro ragazzi, la notte di Capodanno. La festa, l'ebbrezza, un gioco in cui la posta diventa sempre più alta. Camilla Läckberg scandaglia gli abissi dell'adolescenza e il luogo più oscuro e minaccioso che ci sia: la famiglia. Mentre fuochi cadono come paracaduti colorati e girandole luminose esplodono in cielo, Max, Liv, Anton e Martina festeggiano tra di loro la fine dell'anno. Ragazzi ricchi, belli, viziati per il mondo indossano una maschera impeccabile, dietro cui però nascondono odio e dolore. Il catering serve aragoste, caviale, champagne e i quattro attingono anche alle bottiglie da collezione che sono in cantina. Amoreggiano, fumano, spiano i genitori nella casa vicina. E iniziano a giocare. Dapprima Monopoli, poi Obbligo o Verità. E ben presto un passatempo un po' malizioso deflagra nell'occasione per mettersi a nudo e liberarsi, finalmente, del peso della verità.

Altre edizioni

Altri libri dello stesso autore

Autori che ti potrebbero interessare

Le recensioni degli AccioBookers

Franciandthetruck

Recensito il 29/04/2022

La Lackberg non mi delude mai. Consiglio di leggerlo.

Katelikki

Recensito il 27/02/2023

Secondo libro che leggo dell'autrice e per me si conferma un "ni". Qui i protagonisti sono quattro amici adolescenti che passano insieme la notte di capodanno in una casa di fronte la villa dove contemporaneamente stanno festeggiando anche i loro genitori. La festa ha inizio e tra cibo, musica e bevande decidono di giocare ad obbligo o verità ma quando i nervi di faranno tesi per via dell'alcol i quattro inizieranno a svelare man mano i loro segreti più intimi in un crescendo di tensioni che esploderanno con l'arrivo della mezzanotte. Lo stile come sempre è lineare con una scrittura schietta e cruda ma, seppur la storia sia molto triste e i personaggi sono caratterizzati bene con una profonda introspezione, non sono riuscita ad empatizzare con loro e il romanzo non mi ha lasciato gran che. SCAMBIATO