Tempo di lettura stimato:
10h 40m

1 utente lo vende |

If we were villains. Non è colpa della luna (6)

M.L. Rio

Editore: Frassinelli

Anno: 2022

Lingua: Italiano

Rilegatura: Rilegato

Pagine: 320 Pagine

Isbn 13: 9788820076030

Trama

Quando gli amici diventano nemici, non c'è limite al male che possono farci. Oliver Marks ha scontato dieci anni di carcere per l'omicidio di un compagno di college. Ai tempi della condanna, non tutti erano convinti della sua colpevolezza, in primis il detective Colborne, che ora lo attende fuori dal carcere per sapere finalmente la verità. La storia che Oliver si accinge a raccontargli si svolge alla Dellecher, una delle più prestigiose scuole di arte drammatica degli Stati Uniti, dove Shakespeare è venerato come un dio e non c'è limite alla competizione. Giovani, belli, ambiziosi, Oliver e i suoi sei amici sono inseparabili e dividono il tempo fra prove, performance e feste all'insegna dell'eccesso. Ma, una volta giunti al quarto e ultimo anno, qualcosa nel gruppo si incrina. I ruoli dei drammi che mettono in scena prendono sempre più spazio nella loro vita reale, ed emergono gelosie sopite, invidie, rancori. È Richard, più di tutti, a perdere il controllo, finché, un freddo mattino di novembre, viene trovato morto. A quel punto, per ognuno dei sei giovani attori rimasti inizia la prova di recitazione più ardua: convincere la polizia, gli altri e se stessi della propria innocenza. Perfetta per i fan del 'dark academia', una storia di lealtà e tradimento, follia e ossessione, colpa ed espiazione, che conduce il lettore lungo il confine magico e pericoloso tra la vita e l'arte.

Altre edizioni

Non sono state inserite altre edizioni di questo libro

Altri libri dello stesso autore

Autori che ti potrebbero interessare

Le recensioni degli AccioBookers

Nupla

Recensito il 06/01/2023

audiolibro

federicau

Recensito il 01/12/2023

“Gli attori sono per natura instabili: creature alchemiche composte di elementi incendiari, emozione ed ego e invidia. Surriscaldali, rimestali insieme, e a volte otterrai l'oro. Altre, un disastro.”

Lettura preferita del 2023 se non tra quelle di sempre, una di quelle per cui devi prenderti una mezza giornata libera prima di cominciare un libro nuovo, e senti che qualunque cosa sarà non potrà essere all'altezza.

Non lasciatevi spaventare se non sapete niente di Shakespeare, la lettura è perfettamente godibile allo stesso modo. Se non siete amanti dei suoi versi (le parti contrassegnate in corsivo nei dialoghi), non saltateli e non saltate nemmeno i dialoghi degli attori sul palco. L'autrice ha creato una commistione perfetta per cui ogni battuta di Shakespeare parla dei protagonisti della storia e dà un senso più profondo a tutto ciò che loro sono e che gli accade.