81795 libri

La coscienza di un liberal (1)

Paul Krugman

Categoria:

Editore: Laterza
Anno: 0
Lingua: Italianoa
Rilegatura: Rigida
309 pagine

ISBN 13: 9788842086574
ISBN 10: 8842086576

«Credo in una società relativamente egualitaria, supportata da istituzioni che limitano gli eccessi di ricchezza e povertà. Credo nella democrazia, nelle libertà civili e nello Stato di diritto. Tutto questo fa di me un liberal, e ne vado orgoglioso». Una critica radicale dell’America nell’analisi dell’editorialista del “New York Times”.Molte cose sono andate storte in America negli ultimi trent’anni. E finalmente se ne sono accorti anche gli americani. Franklin Delano Roosevelt aveva traghettato una nazione prostrata dalla crisi verso la ripresa economica, politica e sociale. Grazie a lui gli Stati Uniti del dopoguerra poggiavano su forti valori democratici e egualitari, incarnazione di una società di ceto medio dove il boom dei salari aveva elevato milioni di americani dalla povertà a una vita agiata. Poi le cose sono precipitate. Paul Krugman non usa mezzi termini. L’America forte, egualitaria e progressista non c’è più, spazzata via dalle politiche conservatrici.«I molteplici fallimenti dell’amministrazione Bush sono il risultato di un governo in mano a un movimento che si dedica ad attuare politiche contrarie agli interessi della maggioranza, e che deve tentare di compensare questa debolezza intrinseca con l’inganno, i diversivi e la munificenza nei confronti dei propri sostenitori».La coscienza di un liberal non è solo un atto di accusa. È un programma per il cambiamento. Per un nuovo New Deal che dia impulso a una democrazia vitale e competitiva.

-